Perché leggere – e scrivere – di scienza?

Ci sono numerosi motivi per cui si dice che la cultura scientifica è importante; di solito, tra quelli che compaiono agghindati di tutto punto, in uniforme e con un placet stampato sopra, sono onnipresenti i tre che seguono:

1. tutti devono sapere un po’ di scienza perché nella nostra società i cittadini sono sempre più spesso chiamati a compiere scelte individuali o collettive connesse a questioni scientifiche: OGM sì, OGM no? Clonazione terapeutica? E che dire dei cambiamenti climatici? Meglio la carne bianca o meglio il pesce rosso (magari non quello dell’acquario del figlio del vicino, ecco)? Perché non riesco a decidermi a smettere di fumare (io l’ho fatto, è stato faticoso ma l’ho fatto)? E’ giusto spendere tutti quei soldi per un enorme apparecchio destinato a scovare delle particelle che a occhio nudo manco si vedono?

2. dal punto di vista dei politici e dei policy makers (quei soggetti che prendono decisioni le cui ricadute sono importanti per i cittadini), una cittadinanza informata dal punto di vista scientifico è meno soggetta a cadere vittima di imbrogli, truffe e raggiri; una persona competente dal punto di vista scientifico è meno probabile che si affidi a un sedicente chiromante per compiere scelte fondamentali per la propria o l’altrui determinazione, così come un’infarinatura di teoria delle probabilità può aiutare molto nella prevenzione della dipendenza dal gioco d’azzardo (anche se quest’ultimo aspetto è particolarmente complesso, dal momento che almeno in Italia, ma non solo, gran parte del gioco d’azzardo contribuisce a rimpinguare le tasche dello Stato).

3. l’apprendimento del metodo scientifico ha ricadute fondamentali sulla formazione dei giovani: studenti che oggi imparano a padroneggiare i meccanismi dell’ipotesi, della tesi, delle verifiche sperimentali e via discorrendo domani saranno in grado di diventare cittadini consapevoli e abili a destreggiarsi tra le innumerevoli variabili di un mondo che cambia sempre più velocemente.

Ecco, benissimo. La lista può continuare non dico all’infinito ma sicuramente piuttosto a lungo.

la cultura scientifica
Ma la mia risposta è piuttosto diversa. Perché spendiamo soldi per andare a teatro? Perché ci sono persone che, come nel caso della mostra di Edward Hopper al Grand Palais di Parigi a inizio 2013, hanno fatto ore e ore di coda, anche durante la notte, per andare a vedere dei quadri? E perché mai, aiutatemi a svelare questo mistero, compriamo/scarichiamo (legalmente o quasi) musica/film/libri? Be’, perché ci piace; perché è divertente, commovente, emozionante, coinvolgente eccetera. E’ qualcosa che possiamo condividere con le persone care, con gli amici, con i fidanzati e le fidanzate, con mariti, mogli, amanti…

Per me funziona allo stesso modo nel caso della cultura scientifica; per me è bello ed emozionante guardare un tramonto insieme al mio fidanzato godendomi tutto il ventaglio di colori di cui si tingono il cielo e le nuvole e sapendo che tutto questo trambusto è causato dal modo in cui i raggi del sole colpiscono le particelle dell’atmosfera. Non soltanto questa informazione non toglie nulla della poesia del momento, anzi: aggiunge poesia a poesia, la rinforza, la completa. E sono in eccellente compagnia.

Quindi: la cultura scientifica non è “importante”, ma è divertente e istruttiva e appassionante. Perché in fondo in fondo, quando eravamo bambini, non c’era niente che ci spaventasse dei misteri della natura ed eravamo pieni di domande senza temere la possibile difficoltà delle risposte.

la cultura scientifica evalosapeva
©Laura Williams
Non essere egoista, condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest

Scienza, Arte, Parole di carta