Coding the body

La mostra “Coding the body” si interroga sui rapporti tra i codici e il corpo umano, esplorando il modo in cui i codici vengono sempre più usati per decorare il corpo ma anche per controllarlo, per rafforzarlo ma con il sogno di riuscire un giorno a replicarlo.

Non essere egoista, condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest

kinematicsSono un po’ emozionata, perché un oggetto che possiedo (e che mi è stato regalato dopo che, per la prima volta, mi sono sentita molto 2.0 perché su richiesta del “regalante” gli ho mandato via email un link allo shop on-line dello studio di design di Boston che lo produce) sarà esposto in una mostra a New York.

L’oggetto è il braccialetto mostrato in figura; si chiama Tetra kinematics ed è formato di 15 pezzi unici, ciascuno stampato con una stampante 3D. Se interessa, potete acquistarlo (o approfondire le informazioni) qui.

Nervous System Kinematics

La mostra, che è forse la cosa più interessante (e sicuramente meno egoriferita), si chiama Coding the body e inaugura in questi giorni a New York negli spazi di Apexart.

L’idea della mostra nasce dalla constatazione che i nostri corpi e le nostre vite sono, sempre più, definite da codici. Le app dei nostri smartphone dicono dove siamo a noi e agli altri, i nostri codici genetici (almeno in parte) hanno voce in capitolo sul nostro passato e sul nostro futuro, i codici delle varie religioni danno disposizioni su cosa possiamo o talvolta dobbiamo usare per vestire e nutrire i nostri corpi.

Esistono ormai esoscheletri che, come nel bel film Elysium con Matt Damon e Jodie Foster, possono rendere il nostro corpo invincibile; la moda ben presto sarà ancora più personalizzata, con scanner che mappano il nostro giro-vita, giro-braccia e giro-tutto e consentono di stampare in 3D vestiti fatti veramente su misura. Anche il mondo dei gioielli e degli accessori, come mostra ad esempio il lavoro dello studio newyorkese Frances Bitonti, sta passando a una produzione localizzata, in cui gli oggetti vengono scelti e personalizzati online e stampati poi in 3D da uno degli hub più vicini al cliente. Questa una delle loro clutch, che temo non potrò mai permettermi ma che mi sembra assolutamente meravigliosa…

clutch_22

Codici e macchine sono voraci nel reclamare il nostro tempo, la nostra attenzione e, sempre più, anche il nostro corpo fisico. Coding the body si interroga sui rapporti tra i codici e il corpo umano, esplorando il modo in cui i codici vengono sempre più usati per decorare il corpo ma anche per controllarlo, per rafforzarlo ma con il sogno di riuscire un giorno a replicarlo.

Non essere egoista, condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest